Home » Impresa » LEGGE DI BILANCIO: dal 2020 detrazione 19% solo con pagamenti tracciabili

LEGGE DI BILANCIO: dal 2020 detrazione 19% solo con pagamenti tracciabili

30 Gen 2020

Dal 2020 è possibile detrarre il 19% sulle spese per le quali è prevista la detrazione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche ( oneri indicati all’art.15 del TUIR) solo se pagate con mezzi tracciabili.  Lo prevede la Legge di Bilancio 2020 pubblicata il 30 Dicembre 2019 sulla Gazzetta Ufficiale (art.1 commi 679 e 680 Legge 27 dicembre 2019 n.160).

I metodi di pagamento tracciabili sono:

  • versamento bancario o postale
  • Carte di credito
  • carte di debito (bancomat)
  • assegni bancari e circolari

Se le spese saranno pagate in contante si perderà quindi il diritto alla detrazione.

L’elenco delle principali spese interessate dalla nuova normativa è il seguente:

  • spese sanitarie
  • spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di
    trasporto pubblico locale, regionale e interregionale
  • spese per attività sportive dei ragazzi
  • spese istruzione
  • spese veterinarie
  • spese assistenza personale
  • spese funebri
  • interessi per mutui ipotecari per acquisto immobili
  • premi assicurazioni vita/infortuni
  • i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi stipulate relativamente a unità immobiliari ad uso abitativo;
  • spese relative a beni soggetti a regime vincolistico
  • spese per intermediazione immobiliare
  • spese per canoni di locazione sostenute da studenti
    universitari fuori sede
  • erogazioni liberali

Il comma 680 prevede due eccezioni per le quali è ancora possibile pagare in contanti, mantenendo il diritto alla detrazione:

  • l’acquisto di medicinali e i dispositivi medici
  • prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da
    strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale.

Si riporta il testo integrale dei commi 679 – 680 contenuti nella Legge di Bilancio:

679.  Ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, la detrazione dall’imposta lorda nella misura del 19 per cento degli oneri indicati nell’articolo 15 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e in altre disposizioni
normative spetta a condizione che l’onere sia sostenuto con versamento bancario o postale ovvero mediante altri sistemi di pagamento previsti dall’articolo 23 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

680. La disposizione di cui al comma 679 non si applica alle detrazioni spettanti in relazione alle spese sostenute per l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici, nonché alle detrazioni per prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale.

Condividi questo articolo

Ivo Lamberti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *