Home » Impresa » Titolo II – Capo 3/Capo 6 Circolante Regione Puglia.

Titolo II – Capo 3/Capo 6 Circolante Regione Puglia.

10 Giu 2020

Obiettivi.

L’Avviso è finalizzato a coprire carenze di liquidità generate dai danni causati dall’epidemia Covid19. Trattasi di finanziamento bancario.

Destinatari.

Imprese e professionisti.

Beneficiari.

  • MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI come da definizione di cui alla raccomandazione 2003/361/CE della Commissione del 6 maggio 2003), costituite ed iscritte nel Registro delle Imprese, che svolgano attività nell’ambito di uno dei codici ATECO ammissibili, che hanno subito nel 2020 difficoltà economiche (maggiori costi o minori ricavi).
  • LIBERI PROFESSIONISTI, che al momento di presentazione della domanda abbiano Partita IVA e siano iscritti ad albi o collegi, se previsti dalla rispettiva legge professionale (solo Titolo II Capo 3) che hanno subito nel 2020 difficoltà economiche (maggiori costi o minori ricavi).

Spese ammissibili.

Potranno essere considerati validi i finanziamenti deliberati successivamente all’entrata in vigore del Decreto Legge n. 23 dell’8 aprile 2020.

L’importo di ogni singola operazione di mutuo, su cui verrà calcolata la sovvenzione diretta, non dovrà essere inferiore a 30.000 euro e non superiore a 2.000.000 di euro, indipendentemente dall’ammontare complessivo del mutuo bancario concesso che potrà anche essere superiore a 2.000.000 di euro.

Il mutuo bancario dovrà avere una durata minima di 24 mesi ed almeno 12 mesi di preammortamento.

Il Titolo II Circolante prevede che siano ammissibili spese di funzionamento. A titolo puramente esemplificativo:

  • Materie prime;
  • Servizi;
  • Canoni di locazione;
  • Utenze;
  • Lavoro/personale;
  • Scorte e spese generali;
  • Rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci;
  • Liquidità per finanziare crediti commerciali e vendite all’ingrosso;
  • Acquisto di dispositivi individuali di protezione;
  • Messa in sicurezza degli ambienti di lavoro.

Gli aiuti sono cumulabili con altri strumenti emergenziali di cui alla Comunicazione della Commissione n. 1863/2020 e ss.mm.ii., fino al raggiungimento della soglia di 800.000 euro.

Intensità di aiuto.

L’aiuto sarà erogato in forma di sovvenzione diretta determinata nella misura del 20% dell’importo di un nuovo finanziamento concesso da un Soggetto Finanziatore accreditato finalizzato a coprire carenze di liquidità. Tale aiuto potrà essere pari al 30% per tutte le imprese che assumeranno l’impegno ad assicurare nell’esercizio 2022 i livelli occupazionali in termini di ULA (unità lavorative annue) riferiti all’esercizio 2019. Nel caso di mancato rispetto dell’impegno assunto, la Regione procederà alla revoca parziale delle agevolazioni nel limite del 10% della sovvenzione diretta e l’impresa non potrà più accedere ad agevolazioni pubbliche nei sei anni successivi. Le risorse stanziate ammontano a 200.000.000 €.

Durata.

Avviso a sportello operativo sino al 31/12/2020 salvo esaurimento fondi.

Modalità di partecipazione.

La procedura di partecipazione è interamente telematica e comporta l’accreditamento dell’impresa sulla piattaforma Sistema Puglia.

L’Associazione NetProf Rete tra Professionisti, considerata la necessità di approfondire le singole tematiche, con l’ausilio di circolari, comunicati stampa e chiarimenti da parte degli organi preposti, si riserva di integrare, aggiornare e/o modificare le circolari emanate.

Condividi questo articolo

Aldo Sammarelli


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *